Le avventure di Sbuccia e Puntino: Renoir

arte1

IMG_5037

Buongiorno super mamme!!!

Oggi voglio raccontarvi una storia breve ma molto interessante:

C’era una volta una ragazza dagli occhi dolci e dal sorriso contagioso, Lei si chiama Francesca.Si laurea in Scienze dei Beni culturali e inizia a cercare un modo per avvicinare i bambini all’arte. Francesca si immerge nel fantastico mondo dei piccoli con laboratori artistici e giochi dove i nanetti imparano dipingendo , scrivendo e disegnando un nuovo e divertente modo di approcciare il quadro.

Nasce così l’arte vista così: cosa c’è di più bello di riuscire a far avvicinare i piccoli, il nostro futuro, al più importante patrimonio del nostro paese?

Come la stessa Francesca dice: “Bisogna coinvolgerli, in una atmosfera di gioco e di divertimento, sin da piccoli sulle meraviglie che la storia ci ha consegnato.Abituare giovani menti ad accogliere la cultura come parte naturale di sé è il più grande regalo che possiamo fare ai nostri figli poichè significa consegnare loro le chiavi per aprire la mente alla crescita!”

Leone ha appena cominciato e ne è entusiasta.

Potete cominciare anche voi: basta andare in libreria e cercare “Le avventure di Sbuccia e Puntino – Renoir” edito da Idea Books e scritto da Francesca Pascale. E’ il primo di una collana interamente dedicata all’arte proposta ai bambini con lo scopo non solo di avvicinare i nostri piccoli a questo mondo affascinante, ma soprattutto indurli ad una nuova prospettiva che permetta loro di incuriosirsi e di divertirsi.

 

La storia parte da Puntino, un bambino di 7 anni in gita scolastica. Trovandosi al museo, difronte  a Bal au Moulin de la Galette, incuriosito da una frase, Puntino decide di avvicinarsi al quadro e riceve una goccia di colore sulla guancia. Improvvisamente vede sciogliersi l’opera d’arte e vi si ritrova al suo interno. In quel momento, il suo zainetto a forma di peluoche  diventa Sbuccia, fedele amico e compagno di avventure. I due, insieme, hanno l’opportunità di vivere un’esperienza unica e di incontrare Renoir in persona, che gli spiegherà chi è e che cosa stava dipingendo.

Mi sembra un buon modo per arricchire veramente i nostri bimbi: alle volte basta poco!

Mimì

Il bambino chiama la mamma e domanda: / "Da dove sono venuto? / Dove mi hai raccolto?" / La mamma piange e sorride, / stringe al petto il suo bambino e dice: / "Eri un desiderio dentro al cuore."

Be first to comment